Il bollo virtuale

La dematerializzazione delle fatture comporta l'obbligo di assolvere in modo virtuale all'imposta di bollo per tutte le fatture emesse nei confronti di soggetti con partita IVA italiana, di importo superiore ad € 77,46 e senza esposizione di IVA.

Il comunicato stampa n. 224 del 28 dicembre 2018 diramato dal MEF (consultabile qui) afferma che sarà l'Agenzia delle Entrate a comunicare trimestralmente alle aziende l'importo dei bolli virtuali da versare, basandosi sui dati contenuti nelle fatture trasmesse.

Le disposizioni precedentemente in vigore (DM 17 giugno 2014) prevedevano il versamento a saldo in unica soluzione, entro 120 giorni dalla chiusura dell'esercizio, utilizzando il codice tributo 2501 sul modello F24.
Login
Password

Download

Collegamenti

Contenuti

© 2012 -  Logica s.r.l. - Rotonda Giuseppe Antonio Torri, 9 - I-40127 Bologna (BO)
Tel. +39 051 6013173 - Fax +39 051 6013153 - Clicca qui per e-mail
C.F/P.IVA 03109371207 - Rea BO-0492550 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v.