Tempistiche di contabilizzazione

Si chiede spesso quando si possa contabilizzare la fattura, al fine dell'emissione delle RiBa.
Non può essere data una risposta univoca, in quanto dipende principalmente dalle consuetudini aziendali. In linea di principio dovranno essere tenuti in considerazione i seguenti fattori:

Contestazione da parte del cliente
Mentre con la fattura cartacea si poteva procedere ad una correzione prima della presentazione delle RiBa in banca, con la fattura elettronica non è più possibile. La fattura deve essere veicolata dallo SdI per raggiungere il cliente ed eventuali contestazioni possono trovare soluzione solo attraverso una nota di variazione (totale o parziale).
La intangibilità della fattura potrebbe paradossalmente semplificare il processo in quanto una volta inviate a SdI le fatture non sono modificabili, ed è quindi plausibile emettere le RiBa immediatamente dopo.
Una possibile pratica alternativa (anche se onerosa e non sempre praticabile) potrebbe essere l'invio di una fattura PDF in bozza al cliente per e-mail, con l'avvertenza che non è una fattura definitiva e tantomeno utilizzabile per la deducibilità, al solo fine della verifica della correttezza da parte del cliente. Una volta ricevuto il benestare, si procederà all'invio a SdI.

Scarto da parte di SdI
Esiste la possibilità che la fattura sia scartata da SdI e che debba essere riemessa. Fermo restando che l'importo totale della fattura rimanga invariato, i motivi di scarto sono principalmente i seguenti:
Partita IVA errata
E' sufficiente correggere la partita IVA in anagrafica e riemettere la fattura con stessa data e numero (vedi l'articolo "Modifica fatture già emesse" in questa sezione). Questo non ha nessun impatto sulle RiBa già presentate.
Partita IVA cessata
Questo non dovrebbe mai accadere. Probabilmente è un caso di partita IVA errata.
Mancanza di dati sulle righe
Non è possibile ad esempio indicare importi senza quantità pena lo scarto della fattura. E' sufficiente impostare quantità 1 ove richiesto ed impostare eventualmente un prezzo unitario e riemettere la fattura. Anche questo non ha impatto sulle RiBa presentate.

In buona sostanza, anche in presenza di scarto si dovrebbe essere in grado di correggere la fattura senza danni ulteriori, per cui non è necessario cambiare più di tanto le proprie abitudini.

Login
Password

Download

Collegamenti

Contenuti

© 2012 -  Logica s.r.l. - Rotonda Giuseppe Antonio Torri, 9 - I-40127 Bologna (BO)
Tel. +39 051 6013173 - Fax +39 051 6013153 - Clicca qui per e-mail
C.F/P.IVA 03109371207 - Rea BO-0492550 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v.